Savoia – Taranto 0 – 1

1128

Torre Annunziata, 21/10/2018

In una cornice di pubblico che ricorda altri tempi ed altre stagioni trionfali e dopo aver ottenuto un importante e sofferto pareggio in trasferta a Bitonto in 9 uomini, il Savoia torna al Giraud nella domenica che precede la festa cittadina del 22 ottobre per la sfida contro il Taranto, una delle maggiori accreditate alla vittoria finale del girone H.

Mister Squillante non rinuncia nonostante i numerosi assenti al suo modulo preferito ed opta ancora per il 4-3-3 con Del Sorbo prima punta affiancato da Felici e Tedesco. Il neo acquisto D’ancora subito schierato titolare tra i 3 di centrocampo affiancato da Alvino adattato per l’occasione e dall’under Moretta.

Mister Luigi Panarelli invece rischia il 4-2-3-1 schierando alle spalle dell’unica punta Favetta i due esperti Di Senso e D’Agostino ed il classe 99 Salatino. A fare muro davanti alla difesa Manzo e Marsili con il classe 98 Pellegrino schierato tra i pali.

IL TABELLINO

Savoia 1908 – Taranto FC 1927 0 – 1

Marcatori: Salatino (27’pt Ta)

FORMAZIONI

Savoia (4-3-3): Savini (’98); Nives (’00) (dal 47’st Del Prete), Guastamacchia, Poziello (dal 36’st Ruci), Esposito (’99); D’Ancora, Moretta (’98) (dal 9’st Rekik), Alvino; Felici (dal 9’st Pisani), Del Sorbo, Tedesco.

A disposizione: Buono (’00), Stellato (’00), D’Angeli (’00), Marino (’99), Ruci, Rekik (’98), Pisani, Del Prete, Rossi.

Allenatore: Luigi Squillante.

Taranto (4-2-3-1): Pellegrino (’98); Pelliccia (’00) (dal 22’st Guadagno), Lanzolla, Bova, Carullo (’99); Manzo, Marsili; Di Senso (dal 22’st Massimo), D’Agostino (dal 35’st Diakite, dal 41’st Miale), Salatino (’99) (dal 12’st Ferrara); Favetta.

A disposizione: Cavalli (’99), Guadagno (’00), Gori, Diakite, Ancora, Massimo, Miale, Ferrara (’99), Oggiano.

Allenatore: Luigi Panarelli.

Arbitro: Croce Francesco di Novara.

NOTE

SPETTATORI: 4.000 circa di cui circa 200 da Taranto AMMONITI: Carullo (Ta), D’Ancora (Sa), Savini (Sa), Pellegrino (Ta), Del Sorbo (Sa), Tedesco (Sa), Guadagno (Ta) CALCI D’ANGOLO: Sa 7 – Ta 2

CRONACA

PRIMO TEMPO

Nei primi dieci minuti di gioco le due formazioni si studiano e la gara resta bloccata a centrocampo senza azioni pericolose degne di nota.

Al 12′ il Savoia recrimina fortemente un calcio di rigore per fallo di mano in area di rigore, azione dubbia sulla quale il direttore di gara preferisce lasciar correre.

Al 19′ D’Agostino prova la prima conclusione pericolosa a giro da fuori area di rigore, il tiro sfiora di poco l’incrocio alto dei pali.

Al 25′ Guastamacchia anticipa difensori e Del Sorbo con un colpo di testa che sbatte sulla schiena del centrale rossoblù e finisce di poco fuori.

Al 27′ Carullo calcia un tiro cross potente dalla sinistra e Savini respinge corto consentendo a Salatino di spingerla in rete; al replay però ancora un sospetto tocco di mano proprio nell’ultimo tocco.

Al 36′ Del Sorbo ci prova da calcio d’angolo con l’incornata ma il tiro esce di poco a lato.

Nei10 minuti finali il Savoia prova ad imbastire azioni pericolose tenendo in mano il pallino del gioco ma non riuscendo mai a rendersi pericoloso.

Dopo 2 minuti di recupero l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi sul parziale di 0 a 1.

SECONDO TEMPO

Al 14′ Bova salva sulla linea di porta un colpo di testa di Del Sorbo diretto verso la rete evitando il pareggio.

Al 34′, dopo 20 minuti di possesso forsennato dei bianchi con i rossoblù che giocano in maniera remissiva e puntando più sulla perdita di tempo che sulla costruzione di azioni offensive, Pellegrino si supera su Rekik che di mancino tutto solo in area di rigore calcia schiacciato a terra con una traiettoria insidiosa sulla quale il portiere under si conferma una sicurezza tra i pali.

Al 43′ Alvino sfonda sulla fascia e serve Tedesco che di testa colpisce in malo modo la sfera che termina sul fondo.

Dopo soli 5 minuti di recupero nonostante tutte le perdite di tempo dei rossoblù, l’arbitro sancisce il termine di una brutta gara sotto il profilo del gioco; Savoia 0 – Taranto 1.

I bianchi nonostante la sconfitta escono tra gli applausi dei 3.800 tifosi accorsi al Giraud per sostenere la squadra. La prossima sfida vedrà gli uomini di Squillante impegnati in trasferta contro il Gragnano. Restano 8 i punti in classifica con Francavilla e Fasano che scavalcano il Savoia, undicesimo in classifica.