Sedicesimi di Coppa Italia Portici-Savoia 0-2: i bianchi accedono agli ottavi

488

Stadio “San Ciro” di Portici, 23/10/2019

Dopo il brutto pareggio interno in campionato contro l’Fc Messina gli uomini di mister Parlato sono chiamati subito a reagire in trasferta nel derby di Coppa Italia contro il Portici valevole per l’accesso agli ottavi; la partita si disputa a porte chiuse a causa del decreto della prefettura ed in ultimo anche l’inagibilità di tutte le tribune del S.Ciro.

Il tecnico dei biancoscudati conferma il 3-5-2 optando però per l’esperienza di Dionisi sull’esterno destro e potendo tornare a contare sulla spinta di Oyewale invece sulla sinistra. In attacco confermata la coppia non proprio brillante nel match di campionato composta da Giacobbe e Cerone.

Mister Mauro Chianese invece opta per il consueto 4-3-3 con l’ex torrese doc Giuseppe Onda schierato titolare in attacco nel tridente a fianco di Improta e Guarracino. Sugli esterni due giovanissimi, il classe 2002 Raffaele Mazza sulla sinistra ed il classe 2000 Gennaro Carrano sulla destra. L’altro ex Blasio parte invece dalla panchina.

IL TABELLINO

Portici – Savoia 0 – 2

Marcatori: Romano (31’st Sa), Scalzone (42’st Sa).

LE FORMAZIONI

Portici (4-3-3): Marone (’99), Carrano (’00), Arpino, Albanese, Mazza (’02) (dal 35′ D’Acunto); Nappo, Atteo (’01), Grieco (’99) (dal 19’st Bisceglia); Onda, Improta (dal 31’pt Blasio), Guarracino (dal 35’st Melisi). A disp.: Torino (’00), Bisceglia (’99), Del Gaudio (’00), Boussaada (’99), Liguori (’01), Blasio, Ferone (’03), D’Acunto (’01), Melisi (’02). All.: Mauro Chianese.

Savoia (3-5-2): Prudente (’01), Riccio (’99), Guastamacchia, Poziello; Dionisi, Gatto (dal 10’st Romano), Giunta (’99), Tascone (’00), Oyewale; Cerone (dal 10’st Scalzone), Giacobbe (dal 43’st Cavucci). A disp.: Volzone (’00), Romano, Cavucci (’02), Mancini (’02), Osuji, Laino (’02), D’Auria (’02), Scalzone, Paudice (’01). All.: Carmine Parlato.

Arbitro: Gianluca Grasso di Ariano Irpino.

NOTE

Ammoniti: Poziello (Sa), Gatto (Sa), Nappo (Po), Guastamacchia (Sa), Arpino (Po) Calci d’angolo: Po – Sa 1- 5

LA CRONACA

PRIMO TEMPO

A farla da padrone prima dell’inizio della gara è la totale disorganizzazione della società avversaria che comunica l’inagibilità di tutti gli spalti alla stampa solo all’accesso lasciando tutti noi addetti ai lavori a “guardare” la partita da dietro le sbarre a bordo campo in un angolo remoto tra curva e distinti sotto al sole cocente. Inagibilità molto strana considerato che, anche a detta di colleghi che seguono costantemente il Portici, in occasione delle partite di campionato sono aperti almeno due settori su quattro.

Nei primi 25 minuti della prima frazione non accade praticamente nulla, il gioco è molto poco ordinato da entrambe le parti e bloccato a centrocampo con Poziello e Gatto che si fanno subito ammonire.

Al 25′ la prima conclusione verso la rete è di Giacobbe ma è debole e Marone blocca agilmente.

Al 34′ Giacobbe si ritrova a tu per tu con Marone ma divora il gol sotto rete.

Al 39′ Tascone colpisce al volo dopo una sponda seguente ad una punizione di Cerone ma trova la traversa a negargli la gioia del gol.

Al 46′ Guarracino sciupa l’occasione dell’uno a zero a tu per tu con Prudente.

Dopo 2 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine del primo tempo sul parziale di 0 a 0.

SECONDO TEMPO

Dopo i primi 10 minuti in cui non accadde nulla di rilevante, mister Parlato toglie Cerone per lasciar spazio a Scalzone ed inserisce Romano per Gatto per rinforzare ancor di più il reparto offensivo passando di fatto al 3-4-3.

Al 25′ Scalzone prova un forte colpo di testa da corner ma la sfera termina di poco alta.

Al 31′ Romano insacca in rete lo zero a uno con un inserimento sul primo palo su assist di Oyewale.

Al 37′ l’ex Onda prova subito a trovare il pareggio con un sinistro da sotto misura che però è debole e Prudente blocca.

Al 42′ Giacobbe rientra sul destro e calcia molto teso e basso ma Marone è bravo a respingere.

Al 43′ Scalzone si smarca e con una gran conclusione mette a segno lo zero a due chiudendo la questione passaggio del turno.

Dopo 4 minuti di recupero il direttore di gara sancisce il termine delle ostilità; il Savoia passa al S.Ciro uno a zero grazie alla rete di Romano e negli ottavi che probabilmente si disputeranno a novembre attende la vincente tra Città di Fasano e Taranto. Adesso i bianchi dovranno rimettersi a lavoro per preparare la non facile trasferta di domenica contro il Corigliano.