DOMANI HERCOLANEUM AL GIRAUD. Grimaldi: "Loro favoriti"

0
105

Grande rammarico per l’assenza dei tifosi

TORRE ANNUNZIATA (NA) – Tanti i temi trattati con il tecnico Grimaldi nel corso della conferenza stampa appena conclusa: dal bollettino medico ai commenti alla super sfida di domani, analizzando i tentativi di destabilizzazione giunti da Ercolano e l'assurda decisione del Prefetto di Napoli di chiudere il Giraud.

"Abbiamo recuperato Mallardo, non Toscano che quasi sicuramente non ce la farà: per il resto, ci sono i lungo degenti Blasio e Mocerino". Queste le notizie dall'infermeria e le prime parole del tecnico che ha poi analizzato la sfida di domani.

"Rispettiamo chi è davanti ma non siamo preoccupati e non temiamo nessuno: l'Hercolaneum parte con i favori dei pronostici ma non credo che questa partita sarà decisiva per il campionato. Sicuramente – prosegue Grimaldi – accumulare troppi punti di svantaggio non è positivo ma tutti possono avere delle battute d'arresto, dobbiamo essere fiduciosi".

In settimana si è diffusa la voce dell'avvicendamento tecnico sulla panchina del Savoia, a prescindere dal risultato della gara con l'Hercolaneum. Questa la 'replica' di Grimaldi.

"Sono sicuro che queste voci sono false, penso sia una notizia inventata, così com'è capitato anche altre volte. Io penso a fare solo il mio lavoro: sono venuto a Torre perché è una piazza importante anche se, paradossalmente, non è sempre una cosa positiva. Io, comunque, mi sento sempre in discussione, sono decisioni che non spettano a me".

Tornando all'avversario…

"Loro hanno meno da perdere rispetto a noi, visto che possono farsi forte dei 7 punti di vantaggio ma non dimentichiamoci che hanno il Portici che li segue a ruota. Non ho ancora le idee chiare per quel che concerne la formazione: stasera farò una serie di valutazioni insieme ai miei collaboratori".

L'ultima battuta del tecnico è sul divieto imposto dal Prefetto di Napoli.

"Siamo molto rammaricati, da un lato, dall'altro ancora più motivati a regalare una soddisfazione alla nostra tifoseria che reputo straordinaria. I nostri supporters si sono sempre comportati bene, ad esempio a Caivano hanno avuto un atteggiamento esemplare: mi sembra assurdo che possano prendersi simili decisioni guardando i profili sui social network che, a questo punto, sarebbe meglio chiudere!"