Montrone, Bitonto:”il Savoia sta facendo grandi cose ma noi non siamo da meno”

263

Il capitano dei neroverdi Giovanni Montrone, ci parla della sfida play-off con il Savoia.

Dieci punti in quattro gare e tanta voglia di non fermarsi. Una breve presentazione del Savoia dell’ultimo periodo, deciso a proseguire, contro il Bitonto, la scia positiva che porta diritto verso i play-off. Non sarà sicuramente facile, però, visto che i neroverdi dell’ex Padulano,come racconta anche l’attuale classifica, rappresentano un avversario ostico, con un reparto offensivo di tutto rispetto (la coppia Patierno-Picci ha messo a segno la bellezza di 21 reti, 13 il primo ed 8 il secondo)e non facile da affrontare come si è del resto visto nel corso della sfida di andata. Ci vorrà dunque tanta concentrazione e attenzione, per riuscire a portare a casa un risultato positivo, magari contando anche sul talismano “Vallefuoco”, che sinora ha portato in dote ai bianchi, nove punti in tre partite. In vista di questo importante scontro play-off, abbiamo sentito l’esperto difensore nonché capitano dei pugliesi, Giovanni Montrone, una vita da girovago sui campi della Puglia.

Sei a Bitonto da un paio di anni, dopo aver tanto girovagato per tutta la Puglia, vestendo le casacche di tanti compagini come Altamura, Martina, Bisceglie e Nardò. Come ti trovi li’?

Si, dopo tanta esperienza in Puglia, sono a Bitonto da un paio di anni e mi trovo benissimo. Da quando sono qui, ho finalmente l’opportunità di confrontarmi con tante realtà fuori Regione e devo dire che è una esperienza bellissima, che spero di proseguire.

Dopo un’ottima partenza e un buon girone di andata, state trovando maggiori difficoltà in quello di ritorno. Come spieghi questa differenza di rendimento?

È vero, abbiamo avuto una grande partenza ed ora stiamo vivendo alti e bassi ma nel calcio, si sa, ci possono stare questi momenti. Come tutti sappiamo, a Dicembre comincia sempre un altro campionato; dobbiamo essere bravi a tornare quelli spavaldi di inizio torneo.

Nelle ultime sette partite, solo due vittorie, un pari e quattro sconfitte. È pur vero che avete incontrato le tre corazzate del girone Picerno, Cerignola e Taranto…

Si nelle ultime sette gare, abbiamo perso contro le prime tre forze del campionato, ma è anche vero che non meritavamo assolutamente la sconfitta in tutte e tre le circostanze, per il gioco espresso. Pur tuttavia, a calcio vince chi sa segnare più reti…

Domenica affronterete il Savoia, squadra in salute, in un vero e proprio scontro play-off. Quale avversario ti aspetti ?

Incontriamo il Savoia nel suo momento migliore e sarà un vero e proprio spareggio play-off. Loro, da quando hanno cambiato allenatore, stanno davvero facendo grandi cose ma noi siamo consci del nostro valore e andremo li’ a fare la nostra partita.

I vostri prossimi avversari stanno giocando a Mugnano, un impianto che voi conoscete bene per averlo già espugnato in occasione della gara con il Pomigliano. Proverete a sfruttare il vostro rendimento positivo in trasferta dove avete vinto quattro partite di cui ben tre contro compagini campane?

Giocheremo in uno stadio molto grande, che ci ha portato molto bene contro il Pomigliano. Speriamo di ripeterci…

Dove pensi possa arrivare il Bitonto e quali sono i vostri obiettivi?

Il Bitonto deve pensare partita dopo partita, senza fare troppi calcoli. Ovviamente, speriamo di restare agganciati alle zone alte per sperare di fare qualcosa di importante…

Avete affrontato tutte le prime della classe, nello spazio di poche settimane. Quale tra le tre ti ha impressionato di più?

Io dico Taranto. Ieri ho visto una squadra quadrata. Magari il Cerignola può anche avere maggiore qualità ma il Taranto e’ davvero una squadra ben organizzata. Non a caso ha subito un solo goal in 8 partite.