Savoia-Pomigliano: le pagelle di Oplontini

252

Tiene bene il reparto difensivo. A centrocampo, tanto carisma e temperamento a servizio di tutta la squadra. Buona prova di Rekik che si inventa anche qualche bella giocata. Si sblocca finalmente Diakitè.

Savini 7: allo scadere del primo tempo compie una parata che vale quanto un gol sul numero 11 Buonocore. Durante il secondo tempo dà sicurezza a tutto il reparto arretrato con le sue uscite. In sala stampa mister Campilongo ed il presidente Mazzamauro lo elogiano.

Poziello 6: gioca soprattutto di anticipo ed ha un gran da fare nei duelli aerei con l’ariete Girardi. Guida tutta la difesa ed in più di un’occasione, l’azione parte da lui.

Cacace 6: il direttore di gara gli annulla un gol di testa, ormai suo marchio di fabbrica. Molto attento sia sugli inserimenti centrali, sia sui cross provenienti dagli esterni.

Esposito 6,5: il classe  ’99 è ormai una sicurezza e migliora partita dopo partita. L’intesa con Rekik nel primo tempo non è niente male ed i suoi cross sono sempre velenosi all’interno dell’area avversaria. Il gol annullato a Cacace, non a caso, nasce da un suo cross.

Nives 6: buona prova soprattutto in fase difensiva ma quando può dà manforte ad Alvino e spinge anche lui.

Costantino 6,5: carisma e temperamento al servizio della squadra. Si inserisce spesso in area sui cross provenienti dalla sinistra e nel primo tempo prova anche una sforbiciata in area di rigore.

Ausiello 6,5: corre tanto ed è determinante in entrambe le fasi; non a caso è suo l’assist che permette a Diakitè di mettere il pallone in rete. In più di un’occasione, palla al piede, cerca di penetrare la difesa avversaria.

Gatto 6: Il numero 18 si vede meno in fase offensiva rispetto a come ci ha abituati ma in compenso risulta fondamentale per recuperi, tempismo e ritmi di gioco.

Rekik 6,5: nel primo tempo gli avversari sono costretti a trattenergli la maglia per arginare le sue accelerazioni. Viene messo giù da un avversario in area di rigore, ma secondo il direttore di gara non ci sono gli estremi per il penalty. Nel corso della ripresa, infiamma il pubblico saltando due avversari, uno dei quali, con una veronica.

Diakitè 6,5: si sblocca l’ivoriano e permette al Savoia di portare a casa 3 punti molto importanti. La sua, però, è anche una partita di sacrificio: fa salire la squadra e guadagna un paio di calci di punizione. Nel secondo tempo, in due occasioni, su palla inattiva, toglie dei palloni pericolosi all’interno dell’area oplontina.

Alvino 6: buona l’intesa con Nives sulla corsia di destra. Corre tanto e cerca di creare la superiorità numerica.