venerdì, Luglio 23, 2021
Home L'Angolo del tifoso La vittoria di Gubbio

La vittoria di Gubbio

0
La vittoria di Gubbio

Nella piccola ma bella cittadina eugubina si è consumata la prima trasferta della stagione 2013-2014: una partita che tutti si aspettavano fosse scontata, come un'amichevole, contro una squadra di gran lunga più forte del Savoia. Eppure l'entusiasmo era alle stelle.

L'ottimismo si è già sentito di buon mattino, quando in piazzale Gargiulo si respirava un'aria che da tempo mancava a noi tifosi bianco-scudati. Ad attendere la partenza di auto e bus, circa 300 tifosi con striscioni, bandiere, sciarpe, tutti pronti ad affrontare senza problemi i 450km che ci separavano dai nostri ragazzi, perché l'amore per la squadra e la passione non conoscono limiti né distanze.

Mente e corpo di ogni tifoso oplontino è stato pervaso da emozioni indescrivibili, specie all'arrivo, quando ad accoglierci allo stadio c'erano parenti ed amici provenienti da tutta Italia: Fano, Pesaro, Bologna, Cesena, addirittura Milano. E' stato un momento di aggregazione, ritrovare lì persone ormai lontane, in nome della stessa fede: questa è la vera forza del Savoia, passione e tradizione che si tramandano da più di un secolo.

Del match, ci interessava relativamente: i ragazzi hanno fatto il possibile ma la differenza di preparazione, il diverso livello tecnico erano palesi. Nessun tifoso, però, è ripartito con l'amaro in bocca. Le tre sberle sapevano di vittoria, perché il Savoia e la Torre Annunziata sportiva, avevano vinto.

Gli oltre cinquecento tifosi che quasi occupavano l'intero settore ospiti del Barbetti hanno sorpreso anche i calciatori in campo, che, da subito, hanno sentito il calore e la passione che contraddistingue i tifosi del Savoia. Gli stessi tifosi eugubini, numericamente inferiori, sono rimasti stupiti ed affascinati nel sentire dalla gradinata ospite cori insistenti per oltre novanta minuti.

Con questo spirito ci prepariamo alla nuova stagione calcistica, il gruppo ha bisogno del nostro sostegno: il Giraud dovrà essere il dodicesimo uomo in campo, solo in questo modo possiamo essere sicuri di “stracciare” i nostri avversari.



Analisi dei principali accadimenti relativi all’A.C. Savoia 1908 dal punto di vista del tifoso.