Con l’Albanova in cerca di conferme

0
130

il Savoia in cerca di continuità dopo l’ottimo avvio in campionato. 

(Foto di Franco Trani).

In cerca di conferme, dopo la vittoria in casa della Real Forio, i bianchi si apprestano ad ospitare l’Albanova dell’ ex Rosario De Rosa che in maglia bianca ha vinto proprio il campionato di Eccellenza, alcuni anni fa. Non sarà facile, visto che i ragazzi del tecnico Barbera troveranno di fronte una squadra ben allestita che solo per sfortuna ed imprecisione, ha mancato l’appuntamento con la vittoria nella sfida con il Saviano, giocata sul neutro di Aversa per indisponibilità dello “Scalzone”. I biancoazzurri hanno messo già in mostra una discreta forma fisica, tenendo ritmi abbastanza alti e sfiorando più volte la rete, soprattutto nel secondo tempo, ma hanno sciupato troppo, non riuscendo a capitalizzare neanche una occasione. Nel 4-3-3 del tecnico Ciaramella, spiccano l’esperienza e la qualità dell’attaccante ex Turris, Grezio, e quella dei tre argentini che compongono la rosa: il fantasista Gallardo, il difensore De Miranda ed il centrocampista Negro. Chi però  è subentrato in corso di gara, ovvero l’altro argentino Minutella, l’esterno Accietto ed il centrocampista tunisino classe 2000, Bouraui, hanno fatto molto bene, cambiando marcia alla partita per cui si candidano a strappare una maglia da titolare già in occasione della sfida con gli oplontini.

I precedenti

Più che le due vittorie ottenute lo scorso anno, i supporters torresi ricorderanno soprattutto gli incontri disputati con l’Albanova, nella indimenticabile stagione 1994/95, annata che vide trionfare i ragazzi del tecnico De Canio, ai play-off. Spareggi che disputò anche la compagine casertana,  fermata in semifinale dal Matera. Il Savoia, perse in campionato soltanto tre volte di cui due di queste, proprio con l’Albanova (l’altra sconfitta, la subì a Catanzaro). La  partita del “Giraud”, in particolare, fu caratterizzata da tanta sfortuna. capitan Amura e compagni, dominarono in lungo ed in largo. Colpirono un palo e gettarono al vento tante occasioni  per poi essere puniti dall’unico tiro in porta effettuato dagli ospiti, durante l’intero arco della gara. Come se non bastasse, il bomber Ciro Donnarumma, a fine primo tempo, fu purtroppo avvisato dell’improvvisa perdita del padre e dovette lasciare il terreno di gioco in lacrime.

Fischietto irpino per la seconda giornata di campionato

Dirigerà l’incontro, l’ arbitro della sezione di Ariano Irpino, Marco di Placido. Sarà supportato dai due assistenti Mario Scala e Carmine Vanacore, entrambi della sezione di Castellammare di Stabia.

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome