LATINA-SAVOIA, LE DICHIARAZIONI DI MISTER FERRARO

0
213

Al termine della rifinitura odierna sono arrivate le parole del nostro mister Giovanni Ferraro, che ha così presentato la finale playoff in programma domani alle ore 17:00 allo stadio Domenico Francioni contro il Latina. Di seguito le sue parole: 

“Quando sono arrivato è stata una grande soddisfazione per me, ritornare in panchina in una piazza gloriosa come il Savoia con una società importante alle spalle. Ho creduto fin dal primo giorno che con il lavoro ci saremmo potuti ritagliare il nostro spazio e toglierci grosse soddisfazioni. Qualcosa non andava perché qui abbiamo a disposizione mezzi e professionisti di categoria superiore, quindi bisognava ritrovare sorriso e serenità. Adesso siamo contenti, ma manca ancora un passo, quello più importante. Questa è stata una stagione strana per i ragazzi, tanti cambi, aspettative alte. Adesso la squadra sta bene, è allegra e consapevole. In tre mesi sono e siamo riusciti a fare un percorso bellissimo. E’stata cambiata l’inerzia di questa annata con l’aiuto di tutti e adesso siamo a un passo da un traguardo che può aprire la porta dei sogni”.

L’allenatore ha poi continuato: “Da un punto di vista personale sono felice. Spesso nel calcio non vengono esaltati i veri valori umani e professionali e si raccoglie meno di quanto si dovrebbe. Ma io ho sempre creduto che con il lavoro e la professionalità si può raggiungere qualunque traguardo. Adesso sono qui, contento di poter disputare questa finale playoff e non nego che c’è anche un pizzico di emozione. Una finale è sempre una partita particolare. All’andata loro hanno vinto molto bene contro di noi, al ritorno è accaduto il contrario. Sono una squadra forte, che ha un’ottima organizzazione e struttura societaria, guidata da un allenatore molto competente e con calciatori di grande qualità. Sappiamo però anche chi siamo noi e dove vogliamo arrivare, siamo perfettamente centrati nel conseguire l’obiettivo. Giocheremo per un solo risultato, ma l’avremmo fatto a prescindere, vogliamo lasciare un segno indelebile nella città di Torre Annunziata. La situazione infortuni e indisponibili non è mutata rispetto alla semifinale contro la Vis Artena”.

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome