Insieme Formia-Savoia: I precedenti

0
182

L’ ultima affermazione in trasferta dei bianchi, sul campo del Formia, risale al 14 Maggio 1995. Sarà proprio quella vittoria, a permettere ai ragazzi del tecnico Luigi De Canio, di ottenere il pass per gli spareggi. Nella foto, l’esultanza sotto il settore ospiti, occupato dai circa mille tifosi oplontini, dopo la rete siglata da Licitra, ad un minuto dalla fine.

Sono quattordici,  i precedenti tra Formia e Savoia. Il bilancio complessivo, vede in vantaggio i bianchi con sette vittorie a tre, mentre il segno x, è apparso in quattro circostanze (sedici le reti siglate dagli oplontni, dieci dai laziali). Il primo incrocio, risale alla stagione 1975-76 (serie D). La squadra del presidente Gioacchino Coppola, conclude la stagione in una buona posizione di centro-classifica, a quota trentaquattro punti. All’ andata al “Comunale”, decide la gara, il bomber Valeri, al 30′; al ritorno, D’ Acunto, al 3′, porta in vantaggio i padroni di casa, raggiunti nella seconda frazione, da un sigillo ancora griffato da Valeri, al 56′. Dopo due stagioni, le due compagini si ritrovano di fronte, sempre in serie D (1977-78). I biancoazzurri, disputano grande torneo, che dominano con 46 punti (quattro in più della Casertana) e la conquista della C2. I bianchi, invece, proveranno ad accedervi, dalla porta secondaria (i play-off) che troveranno però sbarrata, nello sfortunato spareggio perso con la Palmese. A Formia, affermazione dei padroni di casa, grazie ad una rete di Falso, al 29′. Nella gara di ritorno, i torresi guidati in panchina da D’Alessio, restituiscono pan per focaccia. Ancora Valeri al 16′ e Maresca al 54′, portano sul doppio vantaggio i bianchi. Cornacchia al 57′, prova a riavviare la rimonta che però non si concretizzerà. Nel 1990-91, questa volta il teatro della sfida, sarà la C2, fino alla indimenticabile promozione del 1994-1995 che separerà, fino ad oggi, i destini delle due compagini. Sul neutro del “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia, Uscidda al 53′ su rigore e l’ oplontino doc Marasco al 56′, regalano i tre punti ai bianchi. Il 12 Maggio a Formia, la gara termina con un pari ad occhiali. L’ anno, successivo, sempre in C2 (1991-92),  Savoia e Formia riescono ancora a centrare una salvezza, tutto sommato tranquilla. All’ andata in trasferta, i bianchi escono sconfitti, causa una rete di Oliva al 69′,  ma nel match di ritorno, trionfano grazie alle reti di Cavaliere al 54′ e Dell’ Annunziata, al 90′. Ancora C2, la stagione successiva (1992-93). I bianchi, purtroppo, retrocedono sul campo, dopo lo sfortunato spareggio salvezza, perso contro il Licata, ma saranno comunque ripescati. All’ andata al “Giraud”, Amura, su rigore all’ 89′, salva i bianchi da una sconfitta visto che i laziali, si erano portati in vantaggio al 47′, con Galli. Al ritorno, non ci sarà partita. I ragazzi di Mario Zurlini, incassano tre sberle. Apre Marchstto al 35′, e la chiude Galli, con una doppietta al 57′ ed al 74′. Nella stagione 1993-94, (C2),  al “Giraud”, finisce 1-1. A Solimeno al 25′, per i bianchi, ridpnofe Tavolieri al 66′. Nella gara di ritorno,  ragazzi di De Canio, espugnato il campo ospite per 1-2 (Ancora Solimeno,  al 14′  e Darmeli al 65′ per i torresi; Borrelli, al 33′, per gli ospiti). Arriviamo, infine, alla indimenticabile stagione 1994-95 (C2), che culmina con la promozione in C1, dopo aver vinto il play-off. Nella gara di andata al “Giraud”, i padroni di casa, regolano nella seconda frazione, i laziali, grazie ai goal di Amura (61′, su rigore e 93′) e Lunerti, all’ 85′. Al ritorno, sarà proprio la vittoria di Formia, a lanciare i ragazzi di mister De Canio, ai play-off. Sarà una rete dell’ attaccante siciliano Licitra, all’ 89′, a far esplodere la festa, nel settore occupato dai numerosi supporters dei bianchi.

(Copyright Foto: Casa Savoia)

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome