Volzone: ” Pronto per questa nuova sfida. L’eredità di Savini ? Non mi spaventa”

386

Il nuovo portiere del Savoia, classe 2000, Gianluca Volzone lo scorso anno al Team Altamura, si racconta alla redazione di Oplontini e dichiara di non essere intimorito dalla pesante eredità che quest’anno dovrà raccogliere, anzi, per lui tutto ciò è solo uno stimolo per fare ancora meglio.

” Gianluca, raccontaci come ti sei avvicinato al mondo del calcio e dove sei cresciuto poi calcisticamente”

” Sono sempre stato un appassionato di calcio, sin da piccolo. All’età di 5 anni, iniziai a giocare per strada con gli amici e mi piaceva fare il portiere e da allora questo ruolo non l’ho più lasciato. L’anno successivo andai alla scuola calcio della mia città, dopodichè a 16 anni ho avuto l’opportunità dal Benevento, prima negli allievi nazionali e poi gli ultimi mesi nella primavera, sotto età e fu una bellissima esperienza. In seguito ho disputato il campionato Primavera sempre a Benevento ed infine lo scorso anno sono stato in prestito all’Altamura”.

“Come valuti a livello personale la scorsa annata ad Altamura ?”

” Lo scorso anno non iniziò di certo nel migliore dei modi. Arrivai ad Altamura alla fine del mercato e subito dopo ebbi una lesione di secondo grado al quadricipite sinistro che mi ha tenuto fermo due mesi. Poi però mi sono ripreso ed ho iniziato a giocare con continuità quindi ho visto comunque il bicchiere mezzo pieno. Il mio obiettivo è migliorarmi giorno dopo giorno, quando c’è da sacrificarsi e lavorare duro, non mi tiro dietro”.

” Quest’anno sarai chiamato a raccogliere la pesante eredità di Alberto Savini che non a caso ha fatto il salto di qualità con l’approdo all’Albinoleffe in Serie C”

” Non conosco di persona Alberto, però, avendoci giocato contro lo scorso anno; ho constatato di persona le sue qualità e infatti adesso potrà giocarsi le sue possibilità in Serie C.

Sono consapevole di essere in una piazza importantissima e con una tifoseria esigente. Questa cosa non mi spaventa affatto, anzi, è uno stimolo in più ed è una cosa che spinge a fare meglio. Spero di disputare un’annata importante e che la tifoseria difficilmente dimenticherà”.

” La scorsa settimana è iniziata la preparazione e quindi avete avuto modo di conoscervi sul campo. Come valuti la rosa a livello sia di under che di over ?”

” Queste sono valutazioni che sono di competenza del mister e della dirigenza. Io sono un ragazzo, ho giocato solo un anno in Serie D e quindi non ho nè la presunzione nè le competenze per fare valutazioni del genere. Per quello che ho potuto vedere in questa prima settimana di preparazione, la rosa è molto competitiva e per quanto riguarda gli over, ci sono calciatori forti che hanno vinto campionati e che hanno giocato anche in categorie superiori.

Gli under, tra i quali appunto rientro anche io, siamo tutti giocatori disposti a lavorare duro per mettersi in gioco in una piazza cosi calda e sperare in un futuro non troppo lontano, di giocare a livelli importanti”