Maranzino:” Al Giraud non sembrava di giocare in Serie D. Futuro? Vedremo”

856

Intervistato dalla nostra redazione, il centrocampista classe ’99 racconta la stagione appena conclusa con la maglia del Savoia e parla anche del proprio futuro

” Gaetano, raccontaci un pò come sei cresciuto calcisticamente e quali sono state le tue esperienze, prima di vestire la maglia del Savoia”

” Sono cresciuto nelle giovanili dell’Inter e sono stato li a Milano per 3 anni. Dopo mi sono trasferito a Ferrara e sono stato nella primavera della Spal per quasi due anni. Quest’estate poi è arrivata la chiamata da parte del Savoia e ho accettato volentieri in primis perchè la società mi ha voluto fortemente ed inoltre conoscevo la storia ed il blasone di questa piazza”

” Durante la gestione Squillante e poi anche con l’arrivo di Campilongo, non riuscivi ad esprimerti al meglio come mezz’ala; poi però con il cambio modulo e quindi giocando al centro, sono venute fuori le tue qualità”

” Il mio ruolo naturale è sempre stato davanti alla difesa, anche se all’occorrenza posso anche adattarmi da mezz’ala, infatti quando sono stato schierato in quel ruolo, ho sempre cercato di fare del mio meglio. Penso che però si sia visto che il mio ruolo naturale è giocare davanti alla difesa”

” Come è stato il rapporto con i compagni sia dentro che fuori dal campo e soprattutto con i due allenatori?”

” Arrivato a Torre, ho subito trovato un gruppo che mi hanno fatto sentire parte integrante ed i più esperti davano una mano a noi giovani per ambientarci e farci crescere, posso dire che con loro mi sono trovato benissimo. Con i due allenatori c’è sempre stata intesa e non ci sono mai stati problemi di nessun genere”.

“Senza dubbio questa esperienza ti ha fatto crescere sotto tutti i punti di vista. Il prossimo anno ti senti pronto per riconfermarti a questi livelli o addirittura qualcosa in più?”

” Ho scelto il Savoia proprio per questo motivo e direi che è andata molto bene. Al Giraud non sembrava per niente che si stava disputando una partita di Serie D.

Per il prossimo anno non so che cosa farò. Ogni giocatore cerca sempre di scalare un gradino e vedremo cosa succederà. Qui sono stato benissimo e non mi dispiacerebbe rimanerci un altro anno”.