Savoia-Gelbison: i bianchi a caccia del riscatto dopo la disfatta di Fasano. Probabile esordio dal 1’ per Diakitè

238

Doveva essere una giornata di festa e di aggregazione, ma cosi non sarà. I fatti accaduti al Vallefuoco di Mugnano ed al Vito Curlo di Fasano sono stati fatali per il Savoia che oltre all’ammenda di 4.300,00 €, sarà costretto a giocare l’ultima gara del girone di andata senza il proprio pubblico. Una beffa anche per tutti i tifosi che rientrati per qualche giorno in occasione delle festività natalizie, avevano l’occasione di assistere all’incontro.

I ragazzi di mister Squillante, attendono la Gelbison che con 19 punti, è distante di una sola lunghezza dalla zona play-out. Dopo le due sconfitte contro Audace Cerignola e Bitonto, i rosso-blu hanno ottenuto, nelle ultime due gare, un pareggio ed una vittoria, rispettivamente contro Gragnano e Nola.

Per quanto concerne gli undici che scenderanno in campo dal primo minuto, non dovrebbero esserci grosse sorprese; di conseguenza si andrà verso la riconferma del blocco protagonista dei 7 risultati utili consecutivi, con il solo ballottaggio al centro dell’attacco tra Ayina e Diakitè, con quest’ultimo in leggero vantaggio. Occhio, però, ad un possibile cambio anche in mezzo al campo, con uno tra Franzese e D’Ancora pronto a partire dal 1’.

Probabile formazione:
4-3-3: Savini, Nives, Guastamacchia, Poziello, Esposito, Ausiello, Gatto, Costantino, Alvino, Diakitè, Rekik.