Il capitano del Latte Dolce, Marco Cabeccia:”Contro il Savoia, dovremo dare il massimo”

0
273

Intervista al capitano dei sassaresi, Marco Cabeccia, domani avversario dei bianchi al “Giraud”.

Dopo la buona vittoria conquistata pochi giorni fa a Giugliano, i bianchi non hanno avuto tempo di riposarsi perché nella giornata di domani, dovranno già ritornare sul rettangolo verde. Al “Giraud”, arriverà il Sassari Latte Dolce, forse la più grande delusione, ad ora, del Girone G. I sassaresi,sono ​ partiti con grandi ambizioni ma i meccanismi, si sono subito inceppati. Eppure, le due vittorie consecutive di poche settimane fa con Vis Artena in trasferta ed Afragolese in casa, avevano alimentato speranze di rimonta, spente sul nascere dalle successive sconfitte con Latina e Carbonia (quest’ultima, giunta nei minuti finali) e dal pari interno con il Cassino. La squadra, guidata dal tecnico Stefano Udassi, ex attaccante della Torres che nella stagione 2000/2001 (campionato di serie C1), segnò una rete al “Giraud”, nel posticipo serale che si concluse con il punteggio di 1-1 (Renato Greco, portò in vantaggio gli oplontini), resta comunque un’avversaria temibile, capace di qualsiasi risultato e che dovrà dunque essere affrontata con la giusta concentrazione per poter riprendere il cammino verso le prime posizioni di classifica. In rappresentanza della compagine sarda, abbiamo ascoltato il capitano Marco Cabeccia, con il quale abbiamo affrontato vari argomenti.

Siete partiti come una delle squadre maggiormente accreditate alla vittoria finale e sul mercato, avete speso tanto ma al momento, vi ritrovate in una posizione di classifica poco consona alle vostre aspettative. Cosa non ha funzionato secondo te?

La nostra è una società sana, composta da imprenditori e dirigenti motivati ed ambiziosi. Io mi sono legato a questo progetto, quattro anni fa, sposando in pieno le idee di queste persone e sono sicuro che nonostante le difficoltà che stiamo trovando, non molleranno di una virgola. Purtroppo, in questo sport, non sempre le cose vanno come avevi programmato ma è proprio nelle difficoltà, che bisogna restare uniti. Indubbiamente, se i risultati e la classifica,​ non ci stanno al momento, dando ragione, qualcosa di sbagliato c’è e tutti noi, dobbiamo assumerci le nostre responsabilità.

Le due vittorie consecutive con Vis Artena sembravano avervi rilanciato, poi sono arrivate due sconfitte con Latina e Carbonia ed un pari, con il Cassino. Perché avete difficoltà a trovare continuità?

Le prestazioni e l’impegno, non sono mai mancate ma dobbiamo impegnarci affinché gli episodi, comincino a girare dalla nostra parte ed anche i risultati, siano più positivi per noi.

Il reparto offensivo sta andando discretamente bene, anche se l’acquisto più altisonante, Luigi Scotto, non ha ancora carburato. C’è da dire però, che vi siete privati da poco, dell’attuale cannoniere della rosa, Fabrizio Roberti che sarà difficile da sostituire. Per ciò che invece riguarda la difesa, le reti subite, sono sinora, tante. Questo è sintomo del fatto che non siete riusciti ancora a​ trovare un equilibrio?

Non credo sia questione di attacco o difesa, perché è tutta la squadra che necessita ancora di trovare i giusti meccanismi in campo. Siamo consapevoli e realisti: In questo momento, dobbiamo lavorare giornata dopo giornata, per cercare di costruirci una classifica migliore, senza fare voli pindarici. Dobbiamo ragionare come una squadra che deve dare il massimo su ogni pallone, qualsiasi sarà l’avversario che andremo ad affrontare. In quanto a Roberti, è lui che ha deciso di andare via e la società, non ha potuto fare altro che prenderne atto. Se riterranno opportuno intervenire sul mercato, sono sicuro che si faranno trovare pronti.

Domani affronterete il Savoia, squadra che ha finalmente trovato la vittoria dopo un piccolo periodo di crisi. Che partita ed avversario ti aspetti?

Affronteremo una delle squadre più forti del campionato e sono sicuro che il Savoia lotterà per la promozione, fino alla fine. Hanno una rosa molto competitiva, composta da giocatori di categoria ed under, molto validi. Rispettiamo il loro valore e sappiamo che sarà necessario dare il massimo, per cercare di portare a casa, un risultato positivo.

Avete già incontrato Monterosi e Latina, due pretendenti alla vittoria finale. Quali sono le squadre che ti hanno sin qui più impressionato?

Fino ad ora, abbiamo incontrato praticamente tutte​ le prime della classe ma credo di essere obiettivo quando dico che non c’è stata una compagine che mi abbia impressionato particolarmente. E’ proprio per questo che​ il rammarico per questo inizio di stagione, è ancora più grande.

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome