Serie C: Domani, i criteri per eventuali riammissioni e ripescaggi. Molte le società a rischio iscrizione

0
1117

Domani saranno definiti i criteri per le eventuali riammissioni e ripescaggi. Dopo il 5 Agosto invece si procederà a riempire gli eventuali posti vacanti.

Ci siamo. Domani alle ore 12:00, comincia il tanto atteso Consiglio Federale che deciderà quali saranno i criteri per le eventuali riammissioni e ripescaggi, stilando poi la graduatoria delle aventi diritto.

I tempi

Il termine perentorio per le iscrizioni è fissato per il 5 Agosto. Per le squadre retrocesse, invece, sarà concessa una deroga. Fissata anche la data di inizio del prossimo torneo: il 27 Settembre.

Molte le società a rischio

Per l’iscrizione dovrà essere versata la tassa di iscrizione di 60.000, più una fideiussione di 350.000 euro. Proprio quest’ultima rappresenta lo scoglio più grande da superare per i club. Il Campodarsego, come già anticipato, ha già alzato bandiera bianca. Al suo posto dovrebbe essere ripescato il Legnago, piazzatosi alle spalle dei veneti. Si è arresa anche la Sicula Leonzio dopo la salvezza conquistata ai play-out. Chi ha invece grossi problemi è il Teramo, come preannunciato dal presidente Franco Iachini. In difficoltà anche l’Arezzo che oltre alla fideiussione dovrà risolvere, entro il 5 Agosto, la questione mensilità arretrate. Servono circa 200.000 euro, altrimenti i granata dovranno dire addio alla serie C. In bilico c’è il Potenza dopo che il presidente Caiata ha dichiarato di lasciare. Al momento, non si è fatto avanti nessuno per rilevare il club. Per ciò che invece riguarda le compagini interessate da cambi al vertice, Livorno e Pro Vercelli, restano con il fiato sospeso anche se la situazione per i piemontesi sembra più tranquilla con l’iscrizione garantita a cui poi seguirà il cambio di proprietà. il Catania può tirare un sospiro di sollievo. Il peggio sembra essere passato dopo il passaggio di proprietà. Infine c’è la situazione relativa alla presunta combine tra Bitonto e Picerno, risalente al 5 Maggio 2019. La compagine pugliese rischia la retrocessione d’ufficio ed in questo caso a beneficiarne sarebbe il Foggia che in virtù del secondo posto ottenuto nel girone H, verrebbe ripescato in serie C. Tra le retrocesse dalla serie B, circolano voci su presunti problemi economici per Juve Stabia e Trapani anche se ai siciliani potrebbero essere restituiti due punti che permetterebbero di andare così a disputare i play-out.

La probabile graduatoria dei ripescaggi

Come già anticipato, dovrebbe essere questa la graduatoria delle squadre che si sono classificate al secondo posto nei propri gironi: Ostia Mare, Savoia, Foggia, Campobasso, San Nicolò Notaresco, Monterosi, Prato, Legnano, Fiorenzuola e Legnago. Il 5 di Agosto ci saranno i verdetti e poi si procederà a riempire gli eventuali posti lasciati vuoti.

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome