Mazzamauro: “Chi agisce per il male del Savoia, ne pagherà le conseguenze”

0
1641

” Con Pecorelli la trattativa è in corso ma qualcuno, purtroppo, vuole solo il male del Savoia. El Ouazni? Lo scorso anno ho cercato di portarlo da noi. Non permetto a nessuno di violare la privacy della mia famiglia”

– Con il presidente iniziamo chiedendogli subito delle voci di questi giorni che facevano presagire ad un nuovo possibile ingresso in società da parte dell’avvocato Pecorelli – “Riguardo Pecorelli, parliamo di una persona seria e posso dire che la trattativa è in corso e stiamo facendo dei progetti ma purtroppo qualcuno che vuole solo il male del Savoia, si è intromesso, telefonando lui e anche alcuni giocatori. Mi sto accertando riguardo l’accaduto e ci tuteleremo nelle sedi opportune. Poi, se ci dovesse essere qualche altro imprenditore di Torre Annunziata disposto ad investire la stessa cifra, allora che si faccia avanti. In due anni ho sentito solo parole, zero fatti. Chi ha agito contro il Savoia ne pagherà le conseguenze – Parole dure quelle del presidente che mette a nudo la sua volontà di non voler disputare un altro campionato di Serie D – Nella mia intervista per gli auguri pasquali, dissi che stavamo andando incontro ad una crisi economica davvero importante ed è andata proprio così. In situazioni del genere, un imprenditore deve farsi affiancare da sponsor importanti, altrimenti fare calcio diventa impossibile. Sfido chiunque, in un periodo così delicato, a fare da solo un calcio pulito e onesto nelle serie minori. Ricordo e ci tengo a sottolineare di aver ricevuto, in due anni, meno di € 50.000,00 di sponsorizzazioni. Sono disposto a sedermi per trattare la cessione di poche quote – Non solo questioni economiche. Spostiamo l’attenzione anche sulla proposta fatta al direttore Mignano per il prossimo anno, rifiutata però da quest’ultimo – Con il direttore Mignano c’è stato, c’è e spero che ci sarà sempre un rapporto di affetto indissolubile. Per quanto concerne il calcio, devo dare spazio a nuove professionisti del settore e siamo alla ricerca di un direttore sportivo che abbia qualità e competenze elevate e soprattutto rapporti con club di Serie A per accaparrarci i giovani di talento. Mignano non è stato escluso dal progetto, anzi, sia io che mio figlio Renato gli abbiamo proposto di lavorare in team con un altro direttore. Riguardo la diatriba tra Rais e Mignano, non ne so nulla, so soltanto che ognuno ha preso le proprie decisioni. Rais ha lavorato bene, è una persona di fiducia e rimarrà al suo posto e la stessa proposta è stata fatta a Mignano che però ha rifiutato e a me non va di forzare la mano; sono i fatti a dire chi sono i veri professionisti perché non basta far parte di una società di categoria superiore – Filtra ottimismo per quanto concerne la questione stadio – Nel corso dell’ultimo mese ci siamo incontrati varie volte con il sindaco Ascione, il quale gode della mia fiducia e stima. Ci ha riferito che è disponibilissimo a effettuare i lavori per ottenere le necessarie omologazioni dalla Federazione. Qualora non ci dovessero essere abbastanza fondi per portare a termine il progetto, allora sarebbe favorevole a dei finanziamenti privati. Nei prossimi giorni ci incontreremo nuovamente ma la cosa importante sono le tempistiche: noi siamo pronti a fare domanda di ripescaggio ma anche il Comune dovrà essere pronto per far sì che ciò possa avvenire. Non vorrei che, come nel caso del Cerignola, il ripescaggio non fosse accolto per mancanza di autorizzazioni e/o stadio – Il presidente apre uno spiraglio anche ad una Serie C non professionistica ma solo ad alcune condizioni – Non farò più la Serie D, lo dichiaro da 6 mesi ormai. Moralmente abbiamo vinto il campionato, non ci sentiamo dilettanti, essendo la seconda miglior seconda di tutti i gironi di Serie D. Per quanto riguarda la Serie C semi-professionistica, se alcuni benefici dovessero rimanere immutati, ovvero diritti tv, minutaggio e premi di formazione; allora la cosa potrebbe essere portata avanti. Senza questi benefici, la Serie C sarebbe solo un costo e non credo che società con proprietà intelligenti e attente, si iscriverebbero al torneo di Serie C. Non esiste un imprenditore che investe senza ricavarne qualcosa e non dimentichiamo che il prossimo anno gli introiti saranno abbattuti dalla mancanza del pubblico sugli spalti. Invito, pertanto, la Federazione ad offrire un contributo concreto ai club di Serie C. In fondo, basterebbe dividere la torta dei diritti tv in maniera diversa, d’altronde Serie B e Serie C sono un serbatoio di calciatori ed è in queste categorie che crescono i giovani talenti – Per finire, il Presidente parla del suo pupillo El Ouazni e ci tiene a fare un commento sulle tante voci che hanno intaccato la privacy della sua famiglia – Per El Ouazni va fatta una precisazione: lo scorso anno ho pregato Mignano di portarlo da noi, ma non per quale motivo sia lui che il procuratore, tra l’altro lo stesso del nostro grande Diakitè, abbiano preferito il Foggia. Ovviamente senza Mignano, sarebbe inutile adesso fargli una proposta. Faccio, inoltre, le mie più sentite condoglianze al ragazzo per la perdita della cara mamma: gli sono vicino ora e sempre, specie negli affetti. Gli scrissi un messaggio ma solo pochi giorni dopo mi resi conto che per errore non l’ho mai inviato. Infine ci tengo ad aggiungere che in questo periodo sto leggendo tante cose: io non ho mai violato la privacy altrui mentre qualcuno lo sta facendo con quella della mia famiglia. Si sta abusando degli affetti: non permetto a nessuno di distorcere o strumentalizzare determinate risposte date con il cuore da qualche componente della mia famiglia. Sono diatribe da bambini e permettetemi una battuta: l’asilo l’ho lasciato nelo 1968″.

Lascia un commento

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome