Mancini:”i calciatori più esperti mi daranno una grossa mano a crescere”

273

Il più giovane componente in rosa, si racconta a oplontini.com dopo l’ottima stagione a Casalnuovo (Promozione).

Quando hai cominciato a giocare a calcio?

Ho cominciato all’età di cinque.Mia madre mi iscrisse ad una scuola calcio di Casalnuovo e da lì è incominciata questa mia grande passione.

L’anno scorso hai disputato un ottimo campionato di Promozione, venendo spesso inserito nella Top 11 della settimana. Sappiamo che hai anche ricoperto, il ruolo di terzino, benché tu fossi un centrocampista…

Si sono un interno di centrocampo anche se l’anno scorso il mio allenatore mi ha schierato qualche volta anche come terzino, ruolo in cui ho siglato anche il primo goal. Se serve, dunque, sono disposto a mettermi a disposizione per ricoprire qualsiasi ruolo, impegnandomi sempre con tutto me stesso, come ho sempre fatto.

Il campionato di serie D, ha un quoziente di difficoltà molto più elevato rispetto a quello che hai affrontato l’anno scorso. Pensi che potresti ripeterti anche quest’anno, oppure ci sarà prima bisogno di un periodo di ambientamento?

Penso che con il duro lavoro, tenacia e giusta concentrazione, posso fare bene anche quest’anno. Lo spero, ed è ciò che desidero maggiormente. Sono sicuro che i miei compagni di squadra, mi daranno una grande mano ad inserirmi. Sono il più piccolo del gruppo e da loro ci sarà sicuramente tanto da imparare.

Il tuo obiettivo stagionale?

Essendo molto giovane, avendo appena diciassette anni, il mio obiettivo è quello di fare quante più presenze possibili. Una volta raggiunto il primo, me ne porrò altri quali, ad esempio, giocare sempre di più e bene, come dice anche il mister, e perché no, mettere a referto anche qualche rete.