Sarnese-Savoia: allo “Squitieri” i bianchi ottengono la seconda vittoria consecutiva

    98

    Il gol di Guastamacchia nella ripresa permette ai bianchi di salire a quota 15 in classifica. Domenica al Giraud arriva la Fidelis Andria

    Decima giornata del girone H di Serie D.

    Il Savoia affronta nel turno infrasettimanale la Sarnese di mister Pompilio Cusano, appaiata in classifica proprio con i bianchi a 12 punti. Mister Squillante può contare sulla rosa al completo, eccetto Del Sorbo tenuto a riposo per motivi precauzionali. Il tecnico originario proprio della città di Sarno, preferisce Pisani ad Ortiz e schiera ai suoi lati Rekik e Alvino. A centrocampo torna dal primo minuto Ausiello. I granata scendono in campo con un 4-2-3-1 con Vincenzo Maione terminale offensivo, sostenuto da Varriale, Cassata e Sellitti.

    Il direttore di gara è il signor Kevin Bonacina della sezione di Bergamo, coadiuvato dagli assistenti Fabrizio Almanza di Latina e Stefano Vito Martilelli di Potenza.

    Le Formazioni:

    Savoia(4-3-3): Savini, Nives, Guastamacchia, Poziello, Esposito, Franzese, Gatto, Ausiello, Alvino, Pisani, Rekik. A disposizione:  Riccio, Stellato, Marino, Ruci, D’Ancora, Maranzino, Ortiz, Felici, Tedesco.

    Sarnese(4-2-3-1): Mennella,Pantano, Girardi, Tortora, Adamo, Sannia, Langella, Varriale, Cassata, Sellitti, Maione. A disposizione: Montella, Muollo, Terracciano, Caruso, Carginale, Cinque, Sorriso, Cacciottolo, Barra.

    Ammoniti: Pantano, Varriale, Ausiello, Maranzino.

    Marcatori: Guastamacchia

    Primo tempo:

    Il primo brivido lo crea il Savoia: Rekik fa fuori un avversario e mette un pallone raso terra al centro dell’area, Alvino anticipa un difensore e calcia ma la conclusione termina di poco alta sopra la traversa. Al 14′ è Gatto a rendersi pericoloso con un calcio di punizione.

    Nei primi 20 minuti è soprattutto il Savoia a costruire il gioco ed a rendersi pericoloso dalle parti di Mennella, ma poco dopo la Sarnese acquista fiducia ed inizia a guadagnare metri, cercando di innescare soprattutto gli esterni sia da una parte che dall’altra. E’ ancora una volta la squadra ospite, però, a rendersi pericolosa: Pisani si libera di un avversario all’interno dell’area di rigore e calcia da posizione defilata ma il tiro troppo debole finisce alla sinistra di Mennella. Dopo un minuto di recupero l’arbitro decreta la fine del primo tempo.

    Secondo tempo:

    Subito un cambio per i padroni di casa: Cinque prende il posto di Pantano.

    Dopo 5 minuti, il Savoia sfiora il vantaggio: calcio di punizione di Ausiello da posizione defilata, Guastamacchia salta più in alto di tutti ma il pallone finisce di poco alto sulla traversa. Squillante decide di cambiare ed inserisce Tedesco e Maranzino al posto di Rekik e Franzese ed è proprio il neo-entrato a sfiorare il gol: cross dalla sinistra, il pallone attraversa tutta l’area, il numero 23 calcia ma il portiere avversario devia in angolo. Altro cambio di mister Cusano che inserisce Sorriso al posto di Cassata.

    Al 12′ arriva il vantaggio del Savoia: miracolo di Mennella su Ausiello, ma Guastamacchia sulla respinta del portiere, si avventa in scivolata sul pallone e calcia in rete, portando cosi la squadra in vantaggio.

    La risposta della Sarnese non si fa attendere e subito dopo si affaccia dalle parti di Savini:  discesa sulla destra, cross in mezzo, Maione salta più in alto di tutti ma il pallone finisce alto. Dopo il vantaggio ospite, la gara si infiamma e le squadre danno spettacolo sia sul piano del gioco ma soprattutto su quello agonistico. Al 35′ Squillante decide di  cambiare, inserendo Ortiz al posto di Pisani con l’intento di tener palla nei minuti finali e guadagnare secondi preziosi.

    Non accade più nulla e dopo 6 minuti di recupero, il direttore di gara sancisce la fine del match. Il Savoia ottiene cosi un importante vittoria su un campo tutt altro che semplice e contro una squadra che dal punto di vista atletico ma soprattutto sotto il profilo agonistico, non ha nulla da invidiare a compagini più blasonate.